Discussione:
Pianificazione di una nuova virtualizzazione
(troppo vecchio per rispondere)
Vaitape
2010-08-18 14:08:43 UTC
Permalink
Salve

l'unico server della mia rete, inizia ad avere performance un pò deludenti.
Su questo ho il gestionale, fax server, server antivirus, file server, print
server... oltre ad essere DC.
Prossimamente si pensa ad installare un server di posta (Lotus Domino?).
Il tutto per circa 25 utenti...

Sto iniziando a pensare di sostituirlo/affiancarlo.
Con l'occasione sistemerei i backup (fino ad ora malfunzionanti e fatti con
ntbackup di win2003)
Ed ecco che mi è stato proposto di virtualizzare con vmware.
...anche per il fatto di voler separare su due OS diversi il Gestionale da
altri programmi.

Sto studiando e pianificando il da fare...
Le soluzioni (visti i tempi che corrono) sono un po legate ai costi...
Non si vuole spendere grosse cifre....
Sono così emerse queste soluzioni:

- SOLUZIONE 1 (PIU ECONOMICA)
Comporterebbe l'acquisto di:
Nuovo server monoprocessore e 4gb di ram con 4 dischi interni in raid 10
Win 2008 + cal (non OEM)
vmware vsphere essentials

Con questa soluzione inizierei a virtualizzare intanto solo una macchina
dove sposterei solo il gestionale.
Il dubbio è: come sistemare i salvataggi in una situazione ibrida (vecchia
macchina fisica/nuova virtuale)?
Vorrei avere salvataggi giornalieri dei singoli file/cartelle di entrambi i
server, per poter ripristinare il singolo file/cartella.
Ma vorrei anche avere una copia giornaliera della VM in modo tale che un
domani possa ridurre i tempi per lo spostamento della VM su un altro SERVER
(sia x motivi di rottura che sostituzione server)
La soluzione per il backup vorrei fosse orientata al fatto che un domani
entrambi i server saranno virtualizzati...

- SOLUZIONE 2 (MENO ECONOMICA)
Comporterebbe l'acquisto di:
Nuovo server monoprocessore e 8/16gb di ram con 4 dischi interni in raid 10
(più capienti rispetto la soluzione 1)
eventuale secondo processore per il server
2 licenze Win 2008 + cal (non OEM)
vmware vsphere essentials

Con questa soluzione, si virtualizzerebbero entrambe le macchine.
Rimagono questi dubbi:
- Bisognerebbe virtualizzare un ServerFax che controlla un modem seriale (è
fattibile???)
- Salvataggi: si vorrebbe come nella soluzione precedente avere dei
salvataggi giornalieri sia dei singoli file/cartelle di entrambe le macchine
che una copia delle due VM giornaliera. Cosa consigliate?
Con questa soluzione rimarrebbe a disposizione il vecchio server da poter
riformattare e utilizzare per qualche altro scopo.

Accetto consigli per qualsiasi soluzione anche nuova... purche possa partire
con il piede giusto!!!!
Vorrei intraprendere la strada della virtualizzazione, ma non vorrei fare
spese inutili o sbagliate per una futura gestione virtualizzata.
...soprattutto consigli sulla miglior strategia di backup.
THe_ZiPMaN
2010-08-18 16:26:23 UTC
Permalink
Post by Vaitape
Con l'occasione sistemerei i backup (fino ad ora malfunzionanti e fatti con
ntbackup di win2003)
Argh..
Post by Vaitape
Ed ecco che mi è stato proposto di virtualizzare con vmware.
....anche per il fatto di voler separare su due OS diversi il Gestionale da
altri programmi.
La virtualizzazione in genere è cosa buona e giusta. Lo strumento da
scegliere varia in funzione delle necessità.
Post by Vaitape
Sto studiando e pianificando il da fare...
Le soluzioni (visti i tempi che corrono) sono un po legate ai costi...
Ma che strano. :-)
Post by Vaitape
Non si vuole spendere grosse cifre....
- SOLUZIONE 1 (PIU ECONOMICA)
Nuovo server monoprocessore e 4gb di ram con 4 dischi interni in raid 10
Win 2008 + cal (non OEM)
Perché una licenza W2K8? Non hai già la licenza per il tuo attuale server?
Post by Vaitape
vmware vsphere essentials
Partendo dal presupposto che al momento avresti un solo server, VmWare
vSphere Essentials sono soldi (per il momento) buttati via. Tale soluzione è
ottima ed ha un senso solo se si hanno più server e IMVHO solo se si ha uno
storage condiviso (come peraltro il 90% delle soluzioni di virtualizzazione).
Post by Vaitape
Con questa soluzione inizierei a virtualizzare intanto solo una macchina
dove sposterei solo il gestionale.
Quale sarebbe il vantaggio di virtualizzare un server solo? Quello di
perdere il 20% di performance o quello di dover acquistare anche un nuovo
prodotto?
Post by Vaitape
Il dubbio è: come sistemare i salvataggi in una situazione ibrida (vecchia
macchina fisica/nuova virtuale)?
Personalmente installerei un sistema di backup più decente. Meglio spendere
soldi per un sistema di backup affidabile che non per la virtualizzazione.
Se quel che ti interessa sono i dati non c'è nulla di più importante del
backup per salvaguardarli. Soluzioni di fascia
Post by Vaitape
Vorrei avere salvataggi giornalieri dei singoli file/cartelle di entrambi i
server, per poter ripristinare il singolo file/cartella.
Io ti consiglierei BackupExec
Post by Vaitape
Ma vorrei anche avere una copia giornaliera della VM in modo tale che un
domani possa ridurre i tempi per lo spostamento della VM su un altro SERVER
(sia x motivi di rottura che sostituzione server)
Per lo spostamento non serve il backup ma basta la copia dei dispositivi di
storage virtuali (file, partizioni, ecc.ecc.).
Per il disaster recovery invece può essere comodo, e in questo caso ci sono
diversi modi per ottenere il risultato. Nel caso di BE puoi anche integrarlo
con VmWare.
Post by Vaitape
- SOLUZIONE 2 (MENO ECONOMICA)
Nuovo server monoprocessore e 8/16gb di ram con 4 dischi interni in raid 10
(più capienti rispetto la soluzione 1)
eventuale secondo processore per il server
2 licenze Win 2008 + cal (non OEM)
vmware vsphere essentials
Con questa soluzione, si virtualizzerebbero entrambe le macchine.
Con quella di prima non potresti? Qual è il limite? Normalmente quando si
virtualizza si può arrotondare l'overcommit a 4 per la CPU e a 1.5 per la
ram. Pensi che le due macchine richiedano più di 4 cpu (monoprocessore quad
core) e 4GB di RAM? IMHO la prima soluzione, al più con 8GB di RAM è più che
sufficiente per virtualizzare 2/3 server comuni.
Post by Vaitape
- Bisognerebbe virtualizzare un ServerFax che controlla un modem seriale (è
fattibile???)
Ni. Se hai una seriale sul server fisico puoi rimapparla ad una macchina
virtuale, ma talvolta vi sono problemi. L'ideale sarebbe passare da un hub
USB di rete come i Belkin, cosa che ti permette anche di avere altri vantaggi.
Post by Vaitape
- Salvataggi: si vorrebbe come nella soluzione precedente avere dei
salvataggi giornalieri sia dei singoli file/cartelle di entrambe le macchine
che una copia delle due VM giornaliera. Cosa consigliate?
Con questa soluzione rimarrebbe a disposizione il vecchio server da poter
riformattare e utilizzare per qualche altro scopo.
Accetto consigli per qualsiasi soluzione anche nuova... purche possa partire
con il piede giusto!!!!
Personalmente nella tua situazione io abbandonerei l'idea di vSphere
Essentials e piuttosto penserei a ESXi o a Proxmox o, perché no, a HyperV.
Quest'ultimo lo avresti gratis con W2K8 R2 e (IIRC) hai le licenze già
incluse fino a 4 server virtuali.
Post by Vaitape
Vorrei intraprendere la strada della virtualizzazione, ma non vorrei fare
spese inutili o sbagliate per una futura gestione virtualizzata.
....soprattutto consigli sulla miglior strategia di backup.
Nel tuo caso il normale backup girnaliero centralizzato su nastro è IMHO la
scelta migliore, eventualmente unitamente al salvataggio dei file immagine
della VM con cadenza settimanale o mensile.
--
Flavio Visentin

Ubuntu in Zulu significa "Non so usare Debian". (cit. CtRiX)
Enrico 'Henryx' Bianchi
2010-08-18 22:07:16 UTC
Permalink
Post by THe_ZiPMaN
Post by Vaitape
Con l'occasione sistemerei i backup (fino ad ora malfunzionanti e fatti
con ntbackup di win2003)
Argh..
Non ricordo nel dettaglio (forse il salvataggio delle ACL? Non ne sono
sicuro...), ma NTBackup era un'ottima scelta per determinate tipologie di
backup

Enrico
AndryAtWork
2010-08-19 09:14:30 UTC
Permalink
Enrico 'Henryx' Bianchi
2010-08-21 12:29:32 UTC
Permalink
tipo quando vuoi salvare il system state di un domain controller in 5
minuti e una 50ina di MB, invece di usare quella schifezza immonda del
backup di 2008 e impieghi 1 ora per esportare circa 8GB di non si sa
cosa?
No, se non mi sbaglio e` uno dei pochi sistemi di backup che supporta le
VSS di Windows (me ne sono imbattuto quando stavo cercando un nuovo metodo
per fare il backup del sistema di build automativìco di quei maledetti
sviluppatori che ho in ufficio)

Enrico
Vaitape
2010-08-19 08:11:50 UTC
Permalink
Post by THe_ZiPMaN
Post by Vaitape
- SOLUZIONE 1 (PIU ECONOMICA)
Nuovo server monoprocessore e 4gb di ram con 4 dischi interni in raid 10
Win 2008 + cal (non OEM)
Perché una licenza W2K8? Non hai già la licenza per il tuo attuale server?
Perchè la licenza sull'attuale server è un Win2003 in versione OEM... quindi
non posso spostarla da quel server...
Post by THe_ZiPMaN
Post by Vaitape
vmware vsphere essentials
Partendo dal presupposto che al momento avresti un solo server, VmWare
vSphere Essentials sono soldi (per il momento) buttati via. Tale soluzione è
ottima ed ha un senso solo se si hanno più server e IMVHO solo se si ha uno
storage condiviso (come peraltro il 90% delle soluzioni di
virtualizzazione).
Post by Vaitape
Con questa soluzione inizierei a virtualizzare intanto solo una macchina
dove sposterei solo il gestionale.
Quale sarebbe il vantaggio di virtualizzare un server solo? Quello di
perdere il 20% di performance o quello di dover acquistare anche un nuovo
prodotto?
Il vantaggio di partire intanto con la virtualizzazione... ma risparmiare
adesso su:
- una ulteriore licenza di Win2008 (circa 800EUR)
- il costo della ram (portare da 4 a 16Gb costerebbe 500Eur)
- il costo dell'eventuale secondo processore (costo 400Eur)
Post by THe_ZiPMaN
Post by Vaitape
Il dubbio è: come sistemare i salvataggi in una situazione ibrida (vecchia
macchina fisica/nuova virtuale)?
Personalmente installerei un sistema di backup più decente. Meglio spendere
soldi per un sistema di backup affidabile che non per la virtualizzazione.
Se quel che ti interessa sono i dati non c'è nulla di più importante del
backup per salvaguardarli. Soluzioni di fascia
Post by Vaitape
Vorrei avere salvataggi giornalieri dei singoli file/cartelle di entrambi i
server, per poter ripristinare il singolo file/cartella.
Io ti consiglierei BackupExec
Con salvataggi su unità nastro tipo LTO?
Dove la installo l'unità nastro ed il Backup Exec?
Sulla macchina vecchia?
...oppure posso installare l'LTO sul nuovo hw e farla vedere al nuovo OS
virtualizzato?
E' fattibile?
Post by THe_ZiPMaN
Post by Vaitape
Ma vorrei anche avere una copia giornaliera della VM in modo tale che un
domani possa ridurre i tempi per lo spostamento della VM su un altro SERVER
(sia x motivi di rottura che sostituzione server)
Per lo spostamento non serve il backup ma basta la copia dei dispositivi di
storage virtuali (file, partizioni, ecc.ecc.).
Per il disaster recovery invece può essere comodo, e in questo caso ci sono
diversi modi per ottenere il risultato. Nel caso di BE puoi anche integrarlo
con VmWare.
...con l'agent for VMWare Virtual Infrastructure?
OK... ma dove andrebbe installato il BE e la LTO?
...su macchina vecchia o sul nuovo HW e la nuova macchina virtualizzata?
(Scusa... questi sono dubbi sul funzionamento del BE)
Post by THe_ZiPMaN
Post by Vaitape
- SOLUZIONE 2 (MENO ECONOMICA)
Nuovo server monoprocessore e 8/16gb di ram con 4 dischi interni in raid 10
(più capienti rispetto la soluzione 1)
eventuale secondo processore per il server
2 licenze Win 2008 + cal (non OEM)
vmware vsphere essentials
Con questa soluzione, si virtualizzerebbero entrambe le macchine.
Con quella di prima non potresti? Qual è il limite? Normalmente quando si
virtualizza si può arrotondare l'overcommit a 4 per la CPU e a 1.5 per la
ram. Pensi che le due macchine richiedano più di 4 cpu (monoprocessore quad
core) e 4GB di RAM? IMHO la prima soluzione, al più con 8GB di RAM è più che
sufficiente per virtualizzare 2/3 server comuni.
...è solo una questione di costi (come ti ho già detto sopra)
Scusa scusa.... spiegami questa cosa del overcommit che non ne sono a
conoscenza....
Post by THe_ZiPMaN
Post by Vaitape
- Bisognerebbe virtualizzare un ServerFax che controlla un modem seriale (è
fattibile???)
Ni. Se hai una seriale sul server fisico puoi rimapparla ad una macchina
virtuale, ma talvolta vi sono problemi. L'ideale sarebbe passare da un hub
USB di rete come i Belkin, cosa che ti permette anche di avere altri vantaggi.
Post by Vaitape
- Salvataggi: si vorrebbe come nella soluzione precedente avere dei
salvataggi giornalieri sia dei singoli file/cartelle di entrambe le macchine
che una copia delle due VM giornaliera. Cosa consigliate?
Con questa soluzione rimarrebbe a disposizione il vecchio server da poter
riformattare e utilizzare per qualche altro scopo.
Accetto consigli per qualsiasi soluzione anche nuova... purche possa partire
con il piede giusto!!!!
Personalmente nella tua situazione io abbandonerei l'idea di vSphere
Essentials e piuttosto penserei a ESXi o a Proxmox o, perché no, a HyperV.
Quest'ultimo lo avresti gratis con W2K8 R2 e (IIRC) hai le licenze già
incluse fino a 4 server virtuali.
Perchè ESXi al posto di vSphere Essentials? ...costi a parte?
...vorrei cmq stare su una soluzione vmware
Post by THe_ZiPMaN
Post by Vaitape
Vorrei intraprendere la strada della virtualizzazione, ma non vorrei fare
spese inutili o sbagliate per una futura gestione virtualizzata.
....soprattutto consigli sulla miglior strategia di backup.
Nel tuo caso il normale backup girnaliero centralizzato su nastro è IMHO la
scelta migliore, eventualmente unitamente al salvataggio dei file immagine
della VM con cadenza settimanale o mensile.
....salvataggi dei file immagine della VM fatti come????

Grazie mille per l'attenzione dedicata....
THe_ZiPMaN
2010-08-19 08:44:09 UTC
Permalink
Post by Vaitape
Post by THe_ZiPMaN
Io ti consiglierei BackupExec
Con salvataggi su unità nastro tipo LTO?
Ovviamente sì, eventualmente con staging su disco per questione di velocità.
Come già spiegato e discusso in più e più luoghi se il backup è importante
lo si fa su nastro, perché deve essere su media rimovibili, sicuri, non
delicati e che durano nel tempo. Solo il nastro ha queste caratteristiche.
Post by Vaitape
Dove la installo l'unità nastro ed il Backup Exec?
Sulla macchina vecchia?
Io nel tuo caso li metterei sulla macchina vecchia.
Post by Vaitape
....oppure posso installare l'LTO sul nuovo hw e farla vedere al nuovo OS
virtualizzato?
E' fattibile?.
E' fattibile con molti dipende. Se usi ESXi al 99.9% non funziona. Se usi
p.es. proxmox allora funziona ma non puoi usare BE. Insomma sarebbe un bagno
di sangue se non sai già come fare.
Post by Vaitape
....con l'agent for VMWare Virtual Infrastructure?
OK... ma dove andrebbe installato il BE e la LTO?
....su macchina vecchia o sul nuovo HW e la nuova macchina virtualizzata?
(Scusa... questi sono dubbi sul funzionamento del BE)
Vedi sopra.
Post by Vaitape
Post by THe_ZiPMaN
Con quella di prima non potresti? Qual è il limite? Normalmente quando si
virtualizza si può arrotondare l'overcommit a 4 per la CPU e a 1.5 per la
ram. Pensi che le due macchine richiedano più di 4 cpu (monoprocessore quad
core) e 4GB di RAM? IMHO la prima soluzione, al più con 8GB di RAM è più che
sufficiente per virtualizzare 2/3 server comuni.
....è solo una questione di costi (come ti ho già detto sopra)
Scusa scusa.... spiegami questa cosa del overcommit che non ne sono a
conoscenza....
La virtualizzazione serve per rispamiare sui costi di gestione e per
sfruttare a fondo l'hardware. La CPU di una macchina fisica resta per il 90%
del tempo in idle, quindi inutilizzata. Se sulla stessa CPU ci fai girare 10
macchine la utilizzerai al 100%. Quindi quando dimensioni un server per
virtualizzare in realtà fai stare su una stessa macchina fisica tante
macchine virtuali quante sono quelle che sfrutterebbero in modo adeguato
l'hardware a disposizione. L'overcommit quindi è sulla CPU dove io in genere
uso un rapporto che va da 1:2 a 1:8 in base a quel che fanno i server, sulla
RAM dove più di tanto invece non puoi rubare e l'overcommit varia da 1:1 a
1:2 e sui dischi dove in genere non ho grossi problemi essendoci sempre uno
storage esterno.
Post by Vaitape
Post by THe_ZiPMaN
Personalmente nella tua situazione io abbandonerei l'idea di vSphere
Essentials e piuttosto penserei a ESXi o a Proxmox o, perché no, a HyperV.
Quest'ultimo lo avresti gratis con W2K8 R2 e (IIRC) hai le licenze già
incluse fino a 4 server virtuali.
Perchè ESXi al posto di vSphere Essentials? ...costi a parte?
....vorrei cmq stare su una soluzione vmware
Perché nella tua configurazione vSphere Essentials non ti offre praticamente
nulla più di quanto ti dia ESXi quindi è uno spreco di soldi.
Piuttosto andrei su Proxmox che almeno all'arrivo del secondo server
permetterebbe il clustering, che invece tu non puoi fare con vmware mancando
lo storage condiviso.
Post by Vaitape
.....salvataggi dei file immagine della VM fatti come????
Su ESXi p.es. con ghettoVCB.
--
Flavio Visentin

Ubuntu in Zulu significa "Non so usare Debian". (cit. CtRiX)
Gandalf Corvotempesta
2010-08-20 17:13:04 UTC
Permalink
Post by THe_ZiPMaN
Con quella di prima non potresti? Qual è il limite? Normalmente quando si
virtualizza si può arrotondare l'overcommit a 4 per la CPU e a 1.5 per la
ram.
Cioè?
4 virtuali per ciascun core o 4 virtuali per ciascuna CPU quadcore?
(quindi un core per ciascun virtuale)
THe_ZiPMaN
2010-08-20 19:18:50 UTC
Permalink
Post by Gandalf Corvotempesta
Post by THe_ZiPMaN
Con quella di prima non potresti? Qual è il limite? Normalmente quando si
virtualizza si può arrotondare l'overcommit a 4 per la CPU e a 1.5 per la
ram.
Cioè?
4 virtuali per ciascun core o 4 virtuali per ciascuna CPU quadcore?
(quindi un core per ciascun virtuale)
4 virtuali per core fisico. Ovviamente è una generalizzazione dato che
normalmente c'è un limite di concorrenza di 10/15 VM per host fisico.
--
Flavio Visentin

Ubuntu in Zulu significa "Non so usare Debian". (cit. CtRiX)
Gandalf Corvotempesta
2010-08-21 09:09:29 UTC
Permalink
Post by THe_ZiPMaN
4 virtuali per core fisico. Ovviamente è una generalizzazione dato che
normalmente c'è un limite di concorrenza di 10/15 VM per host fisico.
Quindi, teoricamente, su un biprocessore quad core metteresti anche
8*4 = 32 VM ?

Per la concorrenza, boh, io ho anche 25-30 VM (alcune corazzate) su
un singolo DELL R710 2x5520 (16 core visti dal sistema) e l'unico
limite, per ora, sono la RAM e/o lo spazio disco, che non è mai troppo.
Potrei tranquillamente mettere altre 10VM, se avessi spazio, stando
ai grafici di XenCenter inerenti l'uso della CPU.
THe_ZiPMaN
2010-08-21 11:45:53 UTC
Permalink
Post by Gandalf Corvotempesta
Post by THe_ZiPMaN
4 virtuali per core fisico. Ovviamente è una generalizzazione dato che
normalmente c'è un limite di concorrenza di 10/15 VM per host fisico..
Quindi, teoricamente, su un biprocessore quad core metteresti anche
8*4 = 32 VM ?
No, 32 VM no, metterei 32 CPU virtuali che è ben diverso. La concorrenza
sulla CPU è facilmente e ben gestita, la concorrenza tra le VM lo è un po' meno.
Post by Gandalf Corvotempesta
Per la concorrenza, boh, io ho anche 25-30 VM (alcune corazzate) su
un singolo DELL R710 2x5520 (16 core visti dal sistema) e l'unico
limite, per ora, sono la RAM e/o lo spazio disco, che non è mai troppo..
Più che lo spazio, che oggigiorno non costa nulla, sono le performance dello
storage quelle che fanno la differenza. Quando superi le 100VM (non banali
Web Server, ma roba che lavora pesantemente sull'I/O) che insistono su uno
stesso storage la differenza tra uno storage di fascia alta e uno di fascia
bassa si vede ad occhio nudo.
E la ram oggigiorno è comunque un grosso ostacolo. Ormai io nei progetti per
il nostro datacenter uso tutte lame 2x6c e 96GB ram
Post by Gandalf Corvotempesta
Potrei tranquillamente mettere altre 10VM, se avessi spazio, stando
ai grafici di XenCenter inerenti l'uso della CPU.
Dipende cosa fanno le macchine che hai su quella macchina.
--
Flavio Visentin

Ubuntu in Zulu significa "Non so usare Debian". (cit. CtRiX)
Gandalf Corvotempesta
2010-08-21 16:32:49 UTC
Permalink
Post by THe_ZiPMaN
Più che lo spazio, che oggigiorno non costa nulla, sono le performance dello
storage quelle che fanno la differenza. Quando superi le 100VM (non banali
Web Server, ma roba che lavora pesantemente sull'I/O) che insistono su uno
stesso storage la differenza tra uno storage di fascia alta e uno di fascia
bassa si vede ad occhio nudo.
Si, quoto, ma non avendo SAN, lo spazio su un server diventa più
difficile da gestire rispetto alla RAM.

Ogni server moderno supporta quasi 100GB di ram o giù di li.
Ogni server moderno si limita a 6 dischi da 3.5 pollici, salvo
rari casi, quindi, lo spazio diventa il tappo, perchè più di 6
dischi non posso mettere e mettere 6 dischi SAS da 600GB diventa
controproducente, costa di meno acquistare un secondo server
piuttosto che riempire di dischi da 600GB quello attuale.
Post by THe_ZiPMaN
E la ram oggigiorno è comunque un grosso ostacolo. Ormai io nei progetti per
il nostro datacenter uso tutte lame 2x6c e 96GB ram
Mai usato 96GB fino ad ora. Non ne ho avuto la necessità.
solitamente un nostro nodo è composto da 2x5520, 6 dischi da 146GB
in RAID6 e 16GB di ram.

Il costo del passaggio da 16GB a 32GB è simile al server per intero,
solitamente acquistiamo un altro server clone in modo da avere anche
una sorta di scorta in caso di problemi.

Però noi abbiamo vagonate di web server e mail server, un discorso del
genere in caso di server database virtualizzati (oracle o sql server
o altri mattoni) con IO fortissimo, non sarebbe applicabile.
Post by THe_ZiPMaN
Dipende cosa fanno le macchine che hai su quella macchina.
Webserver, sono leggerine.
Se poi butta male, ci vuol poco a virtualizzare due reverse proxy con
cache, anche per soli pochi secondi, 5 o 10
(in modo da non rompere i maroni agli utenti servendo materiale non
aggiornato) per abbattere drasticamente l'IO su disco.
Icestorm
2010-08-19 07:26:30 UTC
Permalink
Post by Vaitape
l'unico server della mia rete, inizia ad avere performance un pò deludenti.
Su questo ho il gestionale, fax server, server antivirus, file server,
print server... oltre ad essere DC.
Ho visto di peggio :-)
Post by Vaitape
Prossimamente si pensa ad installare un server di posta (Lotus Domino?).
Argh... Nooo, Domino no....
Post by Vaitape
Il tutto per circa 25 utenti...
Sto iniziando a pensare di sostituirlo/affiancarlo.
Con l'occasione sistemerei i backup (fino ad ora malfunzionanti e fatti
con ntbackup di win2003)
Ed ecco che mi è stato proposto di virtualizzare con vmware.
...anche per il fatto di voler separare su due OS diversi il Gestionale
da altri programmi.
Si, ha senso.
Post by Vaitape
Nuovo server monoprocessore e 8/16gb di ram con 4 dischi interni in raid
10 (più capienti rispetto la soluzione 1)
eventuale secondo processore per il server
2 licenze Win 2008 + cal (non OEM)
vmware vsphere essentials
Come ti hanno già giustamente consigliato, vai pure di ESXi.
Essentials in questo caso sono soldi buttati.
Post by Vaitape
Con questa soluzione, si virtualizzerebbero entrambe le macchine.
Ma anche di più.
Metti che prendi un QuadCore e 16 GB di RAM ci puoi virtualizzare anche
6/8 server tranquillamente (però prendi dischi SAS invece che SATA).
Post by Vaitape
- Bisognerebbe virtualizzare un ServerFax che controlla un modem seriale
(è fattibile???)
Si. ESXi può far vedere la seriale alla macchina virtuale.
Post by Vaitape
- Salvataggi: si vorrebbe come nella soluzione precedente avere dei
salvataggi giornalieri sia dei singoli file/cartelle di entrambe le
macchine che una copia delle due VM giornaliera. Cosa consigliate?
Con questa soluzione rimarrebbe a disposizione il vecchio server da
poter riformattare e utilizzare per qualche altro scopo.
Forse il vecchio server potrebbe proprio fare da server di backup.
Un semplice file server dove le VM depositano i loro backup.
Post by Vaitape
Accetto consigli per qualsiasi soluzione anche nuova... purche possa
partire con il piede giusto!!!!
Vorrei intraprendere la strada della virtualizzazione, ma non vorrei
fare spese inutili o sbagliate per una futura gestione virtualizzata.
...soprattutto consigli sulla miglior strategia di backup.
Non posso indicarti moltro altro perché qui facciamo quasi tutto con
Linux (server di posta, server web, file server, server fax, server di
backup, ecc...). E la maggior parte di questi server sono proprio
macchine virtuali con ESXi (backuppate interamente con ghettoVCB
all'inizio del mese e backup dei file che ogni macchina si fa da se e
mette sul server di backup).

Windows lo usiamo giusto per pochissime cose (server antivirus, server
per workghroup share e per quelle poche cose che richiedono SQLServer).
Vaitape
2010-08-19 08:20:12 UTC
Permalink
Post by Icestorm
Post by Vaitape
l'unico server della mia rete, inizia ad avere performance un pò deludenti.
Su questo ho il gestionale, fax server, server antivirus, file server,
print server... oltre ad essere DC.
Ho visto di peggio :-)
Post by Vaitape
Prossimamente si pensa ad installare un server di posta (Lotus Domino?).
Argh... Nooo, Domino no....
Per quale motivo no Domino??????
Post by Icestorm
Post by Vaitape
Il tutto per circa 25 utenti...
Sto iniziando a pensare di sostituirlo/affiancarlo.
Con l'occasione sistemerei i backup (fino ad ora malfunzionanti e fatti
con ntbackup di win2003)
Ed ecco che mi è stato proposto di virtualizzare con vmware.
...anche per il fatto di voler separare su due OS diversi il Gestionale
da altri programmi.
Si, ha senso.
Post by Vaitape
Nuovo server monoprocessore e 8/16gb di ram con 4 dischi interni in raid
10 (più capienti rispetto la soluzione 1)
eventuale secondo processore per il server
2 licenze Win 2008 + cal (non OEM)
vmware vsphere essentials
Come ti hanno già giustamente consigliato, vai pure di ESXi.
Essentials in questo caso sono soldi buttati.
Perchè sarebbero soldi buttati via?
Post by Icestorm
Post by Vaitape
Con questa soluzione, si virtualizzerebbero entrambe le macchine.
Ma anche di più.
Metti che prendi un QuadCore e 16 GB di RAM ci puoi virtualizzare anche
6/8 server tranquillamente (però prendi dischi SAS invece che SATA).
Infatti il processore sarebbe Xeon Quad Core tipo l'E5507...
I dischi sicuramente SAS (forse da 2,5")...
Post by Icestorm
Post by Vaitape
- Bisognerebbe virtualizzare un ServerFax che controlla un modem seriale
(è fattibile???)
Si. ESXi può far vedere la seriale alla macchina virtuale.
Quindi per il server fax nessun problema....
Post by Icestorm
Post by Vaitape
- Salvataggi: si vorrebbe come nella soluzione precedente avere dei
salvataggi giornalieri sia dei singoli file/cartelle di entrambe le
macchine che una copia delle due VM giornaliera. Cosa consigliate?
Con questa soluzione rimarrebbe a disposizione il vecchio server da
poter riformattare e utilizzare per qualche altro scopo.
Forse il vecchio server potrebbe proprio fare da server di backup.
Un semplice file server dove le VM depositano i loro backup.
Sul vecchio server il backup dei file/cartelle oppure la copia delle
immagini virtualizzate?
...e con che sistema?
Post by Icestorm
Post by Vaitape
Accetto consigli per qualsiasi soluzione anche nuova... purche possa
partire con il piede giusto!!!!
Vorrei intraprendere la strada della virtualizzazione, ma non vorrei
fare spese inutili o sbagliate per una futura gestione virtualizzata.
...soprattutto consigli sulla miglior strategia di backup.
Quindi mi scarteresti la soluzione 1 ???
Perchè???

Grazie mille per l'attenzione dedicata....
Icestorm
2010-08-19 15:49:29 UTC
Permalink
Post by Vaitape
Post by Icestorm
Post by Vaitape
l'unico server della mia rete, inizia ad avere performance un pò deludenti.
Su questo ho il gestionale, fax server, server antivirus, file server,
print server... oltre ad essere DC.
Ho visto di peggio :-)
Post by Vaitape
Prossimamente si pensa ad installare un server di posta (Lotus Domino?).
Argh... Nooo, Domino no....
Per quale motivo no Domino??????
Perché con i soliti strumenti open source (sendmail, postfix,
spamassassin, clamav, mailscanner, mailwatch, roundcubemail, ecc...) si
realizzano sistemi ben più flessibili e meno macchinosi.

Ho visto diversi uffici in cui gli utenti si lamentavano (e a ragione)
di Domino.
Sarà anche più semplice da amministrare per il sistemista, mma poi la
cosa si paga cara.
Post by Vaitape
Post by Icestorm
Come ti hanno già giustamente consigliato, vai pure di ESXi.
Essentials in questo caso sono soldi buttati.
Perchè sarebbero soldi buttati via?
Perché le feature in più della Essentials sono carine ma non ti servono
nel tuo caso. La ESXi è già sufficiente.
Post by Vaitape
Infatti il processore sarebbe Xeon Quad Core tipo l'E5507...
I dischi sicuramente SAS (forse da 2,5")...
Buono, ho proprio qui vicino a me un server simile (un HP Proliant DL380
G6) che è solo un po' più grosso e va benone con ESXi (e fa andare una
quindicina di server.
Post by Vaitape
Sul vecchio server il backup dei file/cartelle oppure la copia delle
immagini virtualizzate?
...e con che sistema?
Per tutte le VM: mensilmente una copia completa della VM con ghettoVCB
(io uso un server di backup linux che con la sua crontab si collega sia
ssh e dice al server ESXi di fare il backup via NFS).
Ottimo per eventuale disaster recovery.

Poi ogni VM deve fare giornalmente il backup dei suoi dati (e qui i
metodi sono tantissimi, ad esempio dei semplici .tar.gz sotto Linux o
Cobian sotto Windows).

In tutti i casi noi teniamo due "full" fatti il primo del mese (e quindi
anche quello del mese precedente) e diversi differenziali dei giorni
seguenti (a seconda dei dati della macchina).
Post by Vaitape
Quindi mi scarteresti la soluzione 1 ???
Perchè???
Per la virtualizzazione non c'è niente da fare, l'hardware bisogna
prenderlo molto buono, sempre il più possibile (magari una bella SAN
condivisa e due nodi ESXi ma qui andiamo su ben altri costi).
THe_ZiPMaN
2010-08-19 18:49:50 UTC
Permalink
Post by Icestorm
Post by Vaitape
Post by Icestorm
Post by Vaitape
Prossimamente si pensa ad installare un server di posta (Lotus Domino?).
Argh... Nooo, Domino no....
Per quale motivo no Domino??????
Perché con i soliti strumenti open source (sendmail, postfix,
spamassassin, clamav, mailscanner, mailwatch, roundcubemail, ecc...) si
realizzano sistemi ben più flessibili e meno macchinosi.
Non so dove tu possa trovare macchinosità nel setup di un Domino per la posta.
Post by Icestorm
Ho visto diversi uffici in cui gli utenti si lamentavano (e a ragione)
di Domino.
Sarà anche più semplice da amministrare per il sistemista, mma poi la
cosa si paga cara.
Qui è OT, ma è evidente che è molto che non usi Domino (sempreché tu l'abbia
mai usato e non stia parlando solo per sentito dire).

Detto questo usare Domino per la sola posta elettronica è come usare un
cannone per accoppare le mosche.
--
Flavio Visentin

Ubuntu in Zulu significa "Non so usare Debian". (cit. CtRiX)
Vaitape
2010-08-20 09:28:02 UTC
Permalink
Post by Icestorm
Post by Vaitape
Post by Icestorm
Come ti hanno già giustamente consigliato, vai pure di ESXi.
Essentials in questo caso sono soldi buttati.
Perchè sarebbero soldi buttati via?
Perché le feature in più della Essentials sono carine ma non ti servono
nel tuo caso. La ESXi è già sufficiente.
Scusa ma ghettoVCB posso usarlo sia con ESX che ESXi?
...e l'agent di BE per le VM? ...sia con ESX che con ESXi?

...quali sono queste cose carine che mi darebbe in più l'Esssentials?
Icestorm
2010-08-20 12:09:10 UTC
Permalink
Post by Vaitape
Post by Icestorm
Post by Vaitape
Post by Icestorm
Come ti hanno già giustamente consigliato, vai pure di ESXi.
Essentials in questo caso sono soldi buttati.
Perchè sarebbero soldi buttati via?
Perché le feature in più della Essentials sono carine ma non ti
servono nel tuo caso. La ESXi è già sufficiente.
Scusa ma ghettoVCB posso usarlo sia con ESX che ESXi?
Si.
Post by Vaitape
...quali sono queste cose carine che mi darebbe in più l'Esssentials?
Innanzitutto una vera shell (quella di ESXi è una pseudo shell un po'
inconpleta, ad esempio non ha un crontab). Come ti ho detto io ho
bypassato questa mancanza lanciando i job di backup dal server di backup
direttamente via SSH.

ESX se non ricordo male si basa si una RHEL customizzata. ESXi è una
sorta di "micro versione" minimale.

E poi il vCenter che è certamente più completo del semplice client per
ESXi (ad esempio ti permette di fare i template, ma dubito che tu ne
abbia bisogno, poi c'è una gestione degli utenti di amministrazione più
completa ma anche in questo caso dubito che ti serva).
Vincenzo Valvano
2010-08-23 10:09:06 UTC
Permalink
Icestorm ha scritto:
...
Post by Icestorm
Innanzitutto una vera shell (quella di ESXi è una pseudo shell un po'
inconpleta, ad esempio non ha un crontab). Come ti ho detto io ho
bypassato questa mancanza lanciando i job di backup dal server di
backup direttamente via SSH.
Il cron c'e`:
http://communities.vmware.com/docs/DOC-8760 (Cronjob FAQ)

Piu` che sufficiente per lanciare ghettoVCB direttamente dal server.
--
Vincenzo
SAP
2010-08-20 10:03:30 UTC
Permalink
Post by Icestorm
Perché con i soliti strumenti open source (sendmail, postfix,
spamassassin, clamav, mailscanner, mailwatch, roundcubemail, ecc...) si
realizzano sistemi ben più flessibili e meno macchinosi.
Ma no.
Con quella roba non ci arrivi ad avere tutti gli strumenti di
collaborazione che ti da domino, non basta.
Forse con Zimbra, ma neanche.
Domino poi e' un server di posta ma non solo, e' un contenitore molto
customizzabile con un bel DB sotto.

I problemi sono altri.
Post by Icestorm
Ho visto diversi uffici in cui gli utenti si lamentavano (e a ragione)
di Domino.
Sarà anche più semplice da amministrare per il sistemista, mma poi la
cosa si paga cara.
La semplicita' nella a ministrazione e' un falso problema: amministrare
un server di posta e di groupware con tutte le sue brave implicazioni
non e' cosa da nulla, anzi.
Un po come con windows: non e' che avere tutti i bottoncini renda
davvero semplice l'amministrazione di un server.

Il problema VERO con domino e' che fino alla versione 7 il client e'
veramente difficile da far digerire all'utenza.
E' un po che non ci sto dietro, ma la situazione dovrebbe essere
radicalmente cambiata con la versione 8.

Altro grosso problema e' la cultura media del rivenditore di Domino, che
spesso lo piazza al cliente e poi lo abbandona li' finendo per diventare
solo un server di posta non troppo diverso da altri, mentre le
potenzialita' che ha meriterebbero ben altre implementazioni.
--
Giocare col mondo, facendolo a pezzi...
Bambini che il sole, ha ridotto gia'... vecchi.
Icestorm
2010-08-20 12:15:27 UTC
Permalink
Post by SAP
La semplicita' nella a ministrazione e' un falso problema: amministrare
un server di posta e di groupware con tutte le sue brave implicazioni
non e' cosa da nulla, anzi.
Un po come con windows: non e' che avere tutti i bottoncini renda
davvero semplice l'amministrazione di un server.
Giusto per farti un esempio tempo fa un cliente aveva un problema di posta.

La sua posta funziona così: i record MX puntano al mio server che
provvede a fare da antispam e antivirus e poi viene mandata al loro
server di posta che ha Domino.
Evidentemente il loro amministratore di Domino non sa gestire antispam e
antivirus... mah...

Oltre a questo, quando ci sono dei problemi per cui bisogna verificare i
log di posta, io con il semplice mailwatch e, proprio in rari casi,
direttamente dai log di sendmail trovo tutto, mentre chi gli gestisce il
domino ha sempre dei problemi a capire cosa è successo veramente se la
mail è arrivata a lui e l'ha presa in carico.

Spero solo che sia il loro "sysadmin" ad essere impedito e non Domino.

Però non è il primo caso che mi capita. Forse è proprio come dici tu, il
rivenditore gli ha appioppato Domino e l'ha abbandonato lì nelle mani di
gente poco capace (però evidentemente tanto semplice non è).
SAP
2010-08-20 12:44:35 UTC
Permalink
Post by Icestorm
La sua posta funziona così: i record MX puntano al mio server che
provvede a fare da antispam e antivirus e poi viene mandata al loro
server di posta che ha Domino.
Evidentemente il loro amministratore di Domino non sa gestire antispam e
antivirus... mah...
Ehhh :)
Mi sa di si...
Post by Icestorm
Oltre a questo, quando ci sono dei problemi per cui bisogna verificare i
log di posta, io con il semplice mailwatch e, proprio in rari casi,
direttamente dai log di sendmail trovo tutto, mentre chi gli gestisce il
domino ha sempre dei problemi a capire cosa è successo veramente se la
mail è arrivata a lui e l'ha presa in carico.
O_o
Post by Icestorm
Spero solo che sia il loro "sysadmin" ad essere impedito e non Domino.
Io qualche dubbio ce l'avrei :/
Ti dico, non sono espertissimo di domino, ci ho avuto a che fare un po
di tempo fa, ma se leggi la documentazione e fai la dovuta trafila di
formazione, praticamente ti accorgi della bonta' dell'oggetto.
Spesso purtroppo e' dato in mano a gente che non ha la piu pallida idea
di come fare certe cose...
Post by Icestorm
Però non è il primo caso che mi capita. Forse è proprio come dici tu, il
rivenditore gli ha appioppato Domino e l'ha abbandonato lì nelle mani di
gente poco capace (però evidentemente tanto semplice non è).
No, non e' semplicissimo, ma le cose che mi dici le fa abbastanza
agevolmente...
--
Giocare col mondo, facendolo a pezzi...
Bambini che il sole, ha ridotto gia'... vecchi.
Vaitape
2010-08-19 15:00:57 UTC
Permalink
Quindi....
Considerando il budget...
considerando questi post....
ho tratto queste conclusioni.... che sarei grato se me le commentate ed
eventualmente mi date ulteriori consigli.

- Acquisto un nuovo server IBM X3400:
Monoprocessore Xeon Quad Core
8 Gb di ram
4 dischi da 300Gb oppure 6 dischi da 146 Gb in Raid 10 (interni al server)
doppio alimentatore
- Acquisto una Licenza Win2008R2 + cal
- Utilizzo VMware ESXi

Su questo nuovo server (e con il materiale appena elencato) gestisco una
sola macchina virtual machine con all'interno solo il gestionale.

Nel vecchio server IBM xSeries 235 con Win2003 lascio il resto delle
applicazioni; ovvero:
Server Antivirus
ServerFax
File server
Print server

Per questo server:
- Acquisto una unità nastro LTO3 o LTO4.
- Acquisto Backup Exec
- Acquisto l'agente per VMware virtual infrastructure

...e quindi con questo server gestisco anche i salvataggi.

La previsione e quella di virtualizzare entro fine 2011 anche il vecchio
server all'interno del nuovo server.

I dubbi/problemi che mi rimangono sono:

- La LTO3/4 che vado ad acquistare dovrà essere per forza Scsi e non Sas in
quanto il vecchio server non supporta il Sas.
Ho alternative a questa cosa????

- Il BE e relativo agent per VMware come funziona? ...come gestire al meglio
i salvataggi?
Mi sono fatto questa idea, ma non so se fattibile:
Durante i gg della settimana backuppo tutti i file e cartelle della macchina
fisica e virtuale.
La domenica backuppo a caldo l'immagine della macchina virtuale (riesco a
farlo? il salvataggio mi va direttamente dentro la LTO?)

E se un domani mi si rompe la scheda madre del nuovo server?
E se un domani mi si rompono 2 dischi del nuovo server?
...vorrei che i tempi di down del server fossero con questa soluzione
ridotti al minimo.
...posso implementare qualcos'altro ...tendo conto sempre del budget
limitato?
Icestorm
2010-08-19 15:53:12 UTC
Permalink
Post by Vaitape
Quindi....
Considerando il budget...
considerando questi post....
ho tratto queste conclusioni.... che sarei grato se me le commentate ed
eventualmente mi date ulteriori consigli.
Monoprocessore Xeon Quad Core
8 Gb di ram
4 dischi da 300Gb oppure 6 dischi da 146 Gb in Raid 10 (interni al server)
doppio alimentatore
Ok per l'hardware.
Post by Vaitape
- Acquisto una Licenza Win2008R2 + cal
- Utilizzo VMware ESXi
Su questo nuovo server (e con il materiale appena elencato) gestisco una
sola macchina virtual machine con all'interno solo il gestionale.
Nel vecchio server IBM xSeries 235 con Win2003 lascio il resto delle
Server Antivirus
ServerFax
File server
Print server
- Acquisto una unità nastro LTO3 o LTO4.
- Acquisto Backup Exec
- Acquisto l'agente per VMware virtual infrastructure
...e quindi con questo server gestisco anche i salvataggi.
La previsione e quella di virtualizzare entro fine 2011 anche il vecchio
server all'interno del nuovo server.
Si cerca di virtualizzare tutto (Escluso il backup ovviamente).
Post by Vaitape
La domenica backuppo a caldo l'immagine della macchina virtuale (riesco
a farlo?
Si, con ghetto VCB lui fa una snapshot. Backup Exec non lo conosco.
Anche per i nastri non so dirti nulla, noi non li usiamo.
Post by Vaitape
E se un domani mi si rompe la scheda madre del nuovo server?
E qui son cavoli amari.
Ecco perchè una config seria prevede due nodi ESXi e una SAN condivisa.
Post by Vaitape
E se un domani mi si rompono 2 dischi del nuovo server?
Dovresti avere dei dischi di ricambio (messi anche come hot spare o al
limite in magazzino).
THe_ZiPMaN
2010-08-19 19:00:01 UTC
Permalink
Post by Vaitape
Monoprocessore Xeon Quad Core
8 Gb di ram
4 dischi da 300Gb oppure 6 dischi da 146 Gb in Raid 10 (interni al server)
Io odio il raid 10. Preferisco in genere un raid 1 per il sistema e un raid
5 per i dati ma gestito con un controller che abbia un buon quantitativo di
cache con batteria.
Post by Vaitape
Nel vecchio server IBM xSeries 235 con Win2003 lascio il resto delle
Server Antivirus
ServerFax
File server
Print server
E perché non virtualizzare subito anche loro?
Post by Vaitape
- Acquisto una unità nastro LTO3 o LTO4.
- Acquisto Backup Exec
- Acquisto l'agente per VMware virtual infrastructure
No. L'agente di BE per la Virtual Infrastructure non serve a nulla se usi ESXi.
Post by Vaitape
- La LTO3/4 che vado ad acquistare dovrà essere per forza Scsi e non Sas in
quanto il vecchio server non supporta il Sas.
Ho alternative a questa cosa????
Acquistare un controller SAS aggiuntivo. Sono 120 euro ben spesi, mentre
l'acquisto di un unità scsi (peraltro penso ormai inesistente) sarebbe
buttare i soldi al vento.
Post by Vaitape
- Il BE e relativo agent per VMware come funziona? ...come gestire al meglio
i salvataggi?
In questo caso usi l'agente remoto installato nella macchina virtuale per
fare i backup giornalieri, mentre usi ghettoVCB sulla ESXi per fare le
immagini settimanali delle macchine che poi trasferirai su nastro con BE.
Post by Vaitape
Durante i gg della settimana backuppo tutti i file e cartelle della macchina
fisica e virtuale.
La domenica backuppo a caldo l'immagine della macchina virtuale (riesco a
farlo? il salvataggio mi va direttamente dentro la LTO?)
Lo fai in due passaggi: il sabato fai l'immagine sul disco del server di
backup e la domenica la trasferisci su nastro.
Post by Vaitape
E se un domani mi si rompe la scheda madre del nuovo server?
Sfiga
Post by Vaitape
E se un domani mi si rompono 2 dischi del nuovo server?
Doppia sfiga
Post by Vaitape
....vorrei che i tempi di down del server fossero con questa soluzione
ridotti al minimo.
Allora non devi adottare questa soluzione. Questa ti permette di ripartire
in tempi rapidi in caso di problemi, ma non ti tutela da problemi HW di
questo tipo. Se un tempo di down di 8 ore lavorative in caso di guasto è
accettabile allora puoi fare un contratto 24x7x4h e sei abbastanza certo di
riuscire a starci dentro.
Post by Vaitape
....posso implementare qualcos'altro ...tendo conto sempre del budget
limitato?
Se vuoi andare in pista ai 300 Km/h puoi anche dire di non voler spendere i
150K€ di una ferrari, ma se non vuoi spendere nemmeno i 40K€ di una ducazzi
non puoi raggiungere il tuo obbiettivo.

Se vuoi alta affidabilità devi avere due server e storage condiviso, oppure
avere due server e non affidarti a VmWare ma usare Proxmox.
--
Flavio Visentin

Ubuntu in Zulu significa "Non so usare Debian". (cit. CtRiX)
Vaitape
2010-08-20 09:07:55 UTC
Permalink
Post by THe_ZiPMaN
Post by Vaitape
- Acquisto una unità nastro LTO3 o LTO4.
- Acquisto Backup Exec
- Acquisto l'agente per VMware virtual infrastructure
No. L'agente di BE per la Virtual Infrastructure non serve a nulla se usi ESXi.
Perchè non mi servirebbe su ESXi???
Scusa... ma l'agente non serve per fare la copia a caldo delle VM?!?!
...userei quindi l'agente di BE al posto di ghettoVCB? ...sbaglio?
Post by THe_ZiPMaN
Post by Vaitape
- La LTO3/4 che vado ad acquistare dovrà essere per forza Scsi e non Sas in
quanto il vecchio server non supporta il Sas.
Ho alternative a questa cosa????
Acquistare un controller SAS aggiuntivo. Sono 120 euro ben spesi, mentre
l'acquisto di un unità scsi (peraltro penso ormai inesistente) sarebbe
buttare i soldi al vento.
Si... ma non esiste nessuna scheda SAS compatibile con un IBM xSeries 235
(non ha PCI Express)...
...almeno non mi risulta!!!
THe_ZiPMaN
2010-08-20 12:43:27 UTC
Permalink
Post by Vaitape
Post by THe_ZiPMaN
Post by Vaitape
- Acquisto una unità nastro LTO3 o LTO4.
- Acquisto Backup Exec
- Acquisto l'agente per VMware virtual infrastructure
No. L'agente di BE per la Virtual Infrastructure non serve a nulla se usi ESXi.
Perchè non mi servirebbe su ESXi???
Perché ESXi non supporta le API per poter usare agenti di backup se non è
inserito in una virtual infrastructure vera e propria, con una propria
licenza. Ma a quel punto sarebbe stupido usare ESXi dato che costa come ESX.
Post by Vaitape
Scusa... ma l'agente non serve per fare la copia a caldo delle VM?!?!
....userei quindi l'agente di BE al posto di ghettoVCB? ...sbaglio?
Sì, ma solo se sei su ESX.
Post by Vaitape
Post by THe_ZiPMaN
Post by Vaitape
- La LTO3/4 che vado ad acquistare dovrà essere per forza Scsi e non Sas in
quanto il vecchio server non supporta il Sas.
Ho alternative a questa cosa????
Acquistare un controller SAS aggiuntivo. Sono 120 euro ben spesi, mentre
l'acquisto di un unità scsi (peraltro penso ormai inesistente) sarebbe
buttare i soldi al vento.
Si... ma non esiste nessuna scheda SAS compatibile con un IBM xSeries 235
(non ha PCI Express)...
....almeno non mi risulta!!!
Non ce ne sono più a listino IBM, ma ce ne sono decine che funzionano
perfettamente (quelle che erano a listino ai tempi del 235).

Io per una macchina x346 ho preso questo:
LSI Logic SAS1068 PCI-X Fusion-MPT SAS

Se hai uno slot PCI-X libero ti va benissimo.
--
Flavio Visentin

Ubuntu in Zulu significa "Non so usare Debian". (cit. CtRiX)
Vincenzo Valvano
2010-08-20 13:20:57 UTC
Permalink
THe_ZiPMaN ha scritto:
...
Post by THe_ZiPMaN
licenza. Ma a quel punto sarebbe stupido usare ESXi dato che costa come ESX.
Non direi, visto che le major release di vSphere successive alla 4.1
usciranno solo per ESXi.
--
Vincenzo
Vaitape
2010-08-20 13:43:51 UTC
Permalink
Un ultima cosa... visto la grande disponibilità che hai dimostrato...
...sperando di non risultare pesante...

Supponiamo ... vSphere Essentials. BE e l'agente per VMware
(è solo un ipotesi per capire meglio... in quanto mi avete già convinto di
utilizzare ESXi)

1- Backup Exec Server va installato su una macchina fisica esterna alla
virtualizzazione oppure posso installarla anche su una macchina
virtualizzata?

2- ...ovviamente immagino che la LTO va installata sulla stessa macchina ove
c'è BE server

3- con l'agente di BE per VMware... posso salvare a caldo le immagini delle
VM... giusto?
Ma devo avere anche un salvataggio dei singoli file e cartelle oppure con il
salvataggio dell'immagine della VM riesco a ripristinare anche il singolo
file e cartella all'interno della VM?

4- e se nella macchina virtualizzata avessi un Lotus Domino? ...mi serve
anche l'agente per Domino per salvare a caldo il server di posta?

grazie mille...
THe_ZiPMaN
2010-08-20 14:07:06 UTC
Permalink
Post by Vaitape
Un ultima cosa... visto la grande disponibilità che hai dimostrato...
....sperando di non risultare pesante...
Supponiamo ... vSphere Essentials. BE e l'agente per VMware
(è solo un ipotesi per capire meglio... in quanto mi avete già convinto di
utilizzare ESXi)
1- Backup Exec Server va installato su una macchina fisica esterna alla
virtualizzazione oppure posso installarla anche su una macchina
virtualizzata?
Dipende da come è il dispositivo di memorizzazione. Se fosse p.es. un tape
Fibre Channel potrebbe essere virtuale. Con roba SAS AFAIK non funziona.
Post by Vaitape
2- ...ovviamente immagino che la LTO va installata sulla stessa macchina ove
c'è BE server
Se è SAS ovviamente sì. Se è FC sarà connesso alla Fabric.
Post by Vaitape
3- con l'agente di BE per VMware... posso salvare a caldo le immagini delle
VM... giusto?
Sì.
Post by Vaitape
Ma devo avere anche un salvataggio dei singoli file e cartelle oppure con il
salvataggio dell'immagine della VM riesco a ripristinare anche il singolo
file e cartella all'interno della VM?
Buona la 2.
Post by Vaitape
4- e se nella macchina virtualizzata avessi un Lotus Domino? ...mi serve
anche l'agente per Domino per salvare a caldo il server di posta?
Sarebbe meglio se vuoi ripristinare i singoli DB.
--
Flavio Visentin

Ubuntu in Zulu significa "Non so usare Debian". (cit. CtRiX)
SAP
2010-08-20 12:44:35 UTC
Permalink
Post by Vaitape
Perchè non mi servirebbe su ESXi???
Scusa... ma l'agente non serve per fare la copia a caldo delle VM?!?!
...userei quindi l'agente di BE al posto di ghettoVCB? ...sbaglio?
Non funziona su ESXi che e' la versione free, ti ci vuole una licenza
(non ricordo quale) e quindi aumentano i costi di conseguenza.

L'unico modo di fare il backup su ESXi e' con Ghetto vcb.
--
Giocare col mondo, facendolo a pezzi...
Bambini che il sole, ha ridotto gia'... vecchi.
Sam
2010-08-27 11:04:00 UTC
Permalink
Post by THe_ZiPMaN
Post by Vaitape
Monoprocessore Xeon Quad Core
8 Gb di ram
4 dischi da 300Gb oppure 6 dischi da 146 Gb in Raid 10 (interni al server)
Io odio il raid 10.
Posso chiedere il perché?
Post by THe_ZiPMaN
Preferisco in genere un raid 1 per il sistema e un raid
5 per i dati ma gestito con un controller che abbia un buon quantitativo di
cache con batteria.
Ma con che criterio lo scegli questo controller?
Premesso che io la parte hardware la seguo solo in modo marginale e che di
solito il cliente acquista l'hardware da terzi, io mio sono sempre trovato
di fronte a raid 5 (con 3-4 dischi, questo mese ho provato a farne uno con 6
ma non cambiava nulla) con velocità di scrittura ridicole.
THe_ZiPMaN
2010-08-27 12:28:27 UTC
Permalink
Post by Sam
Post by THe_ZiPMaN
Io odio il raid 10.
Posso chiedere il perché?
Perché lo reputo nel 99% dei casi una mera perdita di spazio. Le indubbie
maggiori performance di un raid 10 rispetto ad un raid 5 sono normalmente
inficiate da tutto quel che sta intorno al sottosistema dischi che nel 99%
dei casi è assolutamente trascurato. Di solito è quindi più una scelta
istintiva ed immotivata che non una scelta dettata dalla reale necessità di
spremere fino all'ultimo anche l'accesso al disco.
Se poi, come vedo spesso, parliamo di raid 10 fatto con dischi SATA cadono
proprio le braccia.
Post by Sam
Post by THe_ZiPMaN
Preferisco in genere un raid 1 per il sistema e un raid
5 per i dati ma gestito con un controller che abbia un buon quantitativo
di cache con batteria.
Ma con che criterio lo scegli questo controller?
Dipende dall'uso. Io in genere uso materiale IBM e quindi scelgo in base a
quanto offre IBM per la propria gamma di server, p.es. i ServeRaid-MR10.
http://bit.ly/aYOBLf
Post by Sam
Premesso che io la parte hardware la seguo solo in modo marginale e che di
solito il cliente acquista l'hardware da terzi, io mio sono sempre trovato
di fronte a raid 5 (con 3-4 dischi, questo mese ho provato a farne uno con 6
ma non cambiava nulla) con velocità di scrittura ridicole.
La velocità di scrittura in Raid5 se non supportata da un significativo
quantitativo di cache con WriteBack attivo è ovviamente limitata perché per
ogni singola scrittura sul volume RAID vanno fatte N-1 letture e da 2 a N
scritture su disco (dove N è il numero di dischi).
Se non si tratta di un sistema in cui le scritture sono continue, la cache
in modalità WriteBack (attivabile solo se c'è la batteria, altrimenti è di
default in modalità WriteThrough) consente di ritardare la scrittura
effettiva sul disco in un secondo momento e di restituire il controllo
all'applicazione quasi immediatamente, appena dopo aver scritto i dati in cache.
Questo riduce quindi ad un valore irrisorio il divario con il raid 10 dato
che la velocità percepita dall'applicazione è in entrambi i casi quella di
scrittura nella cache, quindi alla fine è la velocità del bus.
In lettura le performance sono analoghe e le differenze si assottigliano con
l'aumentare del numero di dischi, con il raid5 che può leggere da N-1 dischi
ed il raid10 che legge da N.
--
Flavio Visentin

Ubuntu in Zulu significa "Non so usare Debian". (cit. CtRiX)
Sam
2010-08-27 14:01:16 UTC
Permalink
Post by THe_ZiPMaN
Post by Sam
Post by THe_ZiPMaN
Io odio il raid 10.
Posso chiedere il perché?
Perché lo reputo nel 99% dei casi una mera perdita di spazio. Le indubbie
maggiori performance di un raid 10 rispetto ad un raid 5 sono normalmente
inficiate da tutto quel che sta intorno al sottosistema dischi che nel 99%
dei casi è assolutamente trascurato. Di solito è quindi più una scelta
istintiva ed immotivata che non una scelta dettata dalla reale necessità di
spremere fino all'ultimo anche l'accesso al disco.
Ti saprò dire la mia esperienza tra 15 gg quando farò su di una macchina il
cambio di tipo raid.
Post by THe_ZiPMaN
Se poi, come vedo spesso, parliamo di raid 10 fatto con dischi SATA cadono
proprio le braccia.
Personalmente, quando mi capitano dischi sata, se proprio insistono,
mirroring, altrimenti dischi singoli così ci saranno meno casini (visto che
in questi casi verrebbe utilizzato il controller integrato con un fakeraid).
Post by THe_ZiPMaN
Post by Sam
Post by THe_ZiPMaN
Preferisco in genere un raid 1 per il sistema e un raid
5 per i dati ma gestito con un controller che abbia un buon
quantitativo
Post by THe_ZiPMaN
Post by Sam
Post by THe_ZiPMaN
di cache con batteria.
Ma con che criterio lo scegli questo controller?
Dipende dall'uso. Io in genere uso materiale IBM e quindi scelgo in base a
quanto offre IBM per la propria gamma di server, p.es. i ServeRaid-MR10.
http://bit.ly/aYOBLf
Mai messo le mani su roba ibm. Hp, Fujitsu e Dell e comunque su poche
macchine.
Post by THe_ZiPMaN
Post by Sam
Premesso che io la parte hardware la seguo solo in modo marginale e che di
solito il cliente acquista l'hardware da terzi, io mio sono sempre trovato
di fronte a raid 5 (con 3-4 dischi, questo mese ho provato a farne uno con 6
ma non cambiava nulla) con velocità di scrittura ridicole.
La velocità di scrittura in Raid5 se non supportata da un significativo
quantitativo di cache con WriteBack attivo è ovviamente limitata perché per
ogni singola scrittura sul volume RAID vanno fatte N-1 letture e da 2 a N
scritture su disco (dove N è il numero di dischi).
Se non si tratta di un sistema in cui le scritture sono continue, la cache
in modalità WriteBack (attivabile solo se c'è la batteria, altrimenti è di
default in modalità WriteThrough) consente di ritardare la scrittura
effettiva sul disco in un secondo momento e di restituire il controllo
all'applicazione quasi immediatamente, appena dopo aver scritto i dati in cache.
Controller con la batteria non sono mai riuscito a farli acquistare ai
clienti. Di recente ho provato ad attivare su di un controller, che non
aveva la batteria, la scrittura in WriteBack (mi ha lasciato attivarla).
Fatto dei test lanciando una stored procedure abbastanza pesante, con
letture e scritture alternate, senza però vedere benefici. La scrittura
sequenziale non ha ovviamente avuto quasi nessun beneficio Ti dirò, in
questo caso avevo anche relativamente poca cache: 64 MB (roba di 5-6 anni
fa).
Penso poi dipenderà anche da come il controller ripartisce la cache tra le
letture e le scritture.
Post by THe_ZiPMaN
Questo riduce quindi ad un valore irrisorio il divario con il raid 10 dato
che la velocità percepita dall'applicazione è in entrambi i casi quella di
scrittura nella cache, quindi alla fine è la velocità del bus.
In lettura le performance sono analoghe e le differenze si assottigliano con
l'aumentare del numero di dischi, con il raid5 che può leggere da N-1 dischi
ed il raid10 che legge da N.
In lettura quasi mai avuto problemi.
Gandalf Corvotempesta
2010-08-27 21:42:44 UTC
Permalink
Post by Sam
(visto che
in questi casi verrebbe utilizzato il controller integrato con un fakeraid).
aaargh.
Lascia stare quella ciofeca. O usi un raid software (che funziona
perfettamente) o usi un raid hardware.

il fake raid significa mettere il culo davanti alle pedate.
o usi un buon raid hardware, o il raid software è la soluzione
migliore, fidati. (per intenderci, se ti si scioglie il server
nella lava di un vulcano ma riesci a salvarne i dischi, se hai
raid software metti i dischi su un pc qualunque ed il server
parte, se hai un fake raid o una ciofeca il più delle volte
ti ritrovi con i dati inutilizzabili perchè non riesci a
configurare la nuova controller per accedere al raid precedente)

Gandalf Corvotempesta
2010-08-27 21:38:28 UTC
Permalink
Post by THe_ZiPMaN
Se poi, come vedo spesso, parliamo di raid 10 fatto con dischi SATA cadono
proprio le braccia.
Il RAID5 però, o lo si fa con dischi buoni, o son dolori.
La mia esperienza insegna.
Se poi hai dischi di dimensioni spropositate, il tempo di
ricostruzione di un raid5 può arrivare tranquillamente
alle 24 ore durante le quali hai molte probabilità che si
spacchi un secondo disco ed in tal caso sei fottuto (quel
che è capitato a me).

Meglio un RAID6. Dove posso, metto RAID6 SAS. (batteria
e writeback obbligatori in questo caso, altrimenti si
fa prima a scrivere i dati con carta e penna)
Mi piace dormir tranquillo. L'unico posto in cui ho messo
raid5 ho perso tutto 'fanculo a quella volta che ho
detto: proviamo il 5 e non il 6. :) Si è sganciato un
disco durante la ricostruzione del secondo.
Continua a leggere su narkive:
Loading...